27 giugno 2014

Disabili: petizione on line, una legge per il 'dopo di noi'

Una legge per il "Dopo di noi", un provvedimento che aiuti e sostenga le tantissime famiglie con figli disabili, per assicurare un futuro dignitoso nel momento in cui i genitori non ci saranno più. La chiede Ileana Argentin deputato Pd e affetta lei stessa dalla nascita da una grave malattia degenerativa. Argentin ha presentato un progetto di legge sul "Dopo di noi", che la settimana scorsa ha cominciato il suo iter legislativo in Commissione Affari sociali della Camera, insieme ad altri due progetti sulla stessa materia. E per far pressione sui colleghi parlamentari la stessa deputata ha lanciato una petizione online, sulla piattaforma Change.org, che in 24 ore ha raccolto 35 mila firme e centinaia di commenti e testimonianze. La petizione, intitolata "Urgentemente una legge sul #DopoDiNoi", prende spunto da un tragico fatto di cronaca, avvenuto a Roma nell'aprile scorso, quando un pensionato, Sergio Ruggero, dopo che alla moglie era stato diagnosticato un tumore l'ha uccisa, ponendo fine anche alla vita del figlio disabile. "Abitavano a duecento metri da casa mia - scrive Ileana Argentin nella petizione - e tutte le volte Sergio mi diceva: 'Che succederà, ad Alessandro, dopo la mia morte e quella di mia moglie? Non abbiamo parenti, Ileana fai qualcosa per il 'Dopo di noi', non dimenticartene". La petizione chiede un iter accelerato della legge affinché venga approvata prima del 3 dicembre, giornata della disabilità. "Questa legge è urgentissima - conclude Ileana Argentin - perché di famiglie in queste condizioni ce ne sono davvero tante. Sono 2 milioni 600 mila le persone che nel nostro Paese sono colpite da disabilità grave e per questo non sono autosufficienti. Ciò vuol dire che le famiglie italiane interessate sono circa il 15 per cento del totale". 

Sono già state raccolte 42.944 firme, per sostenere la proposta di legge Movimento 5 Stelle ANMIL invita tutti a firmare la petizione cliccando sul link Urgentemente una legge sul #DopoDiNoi

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta basta non scrive minacce e cose ecc...