19 giugno 2014

CLAMOROSO, lettera di un corrotto pentito: “Mi costituisco e faccio mettere tutti i politici in galera”

Cari concittadini,

molti di voi non mi conoscono perché sono abituato a lavorare nell’ombra, senza finire sui manifesti elettorali o nei telegiornali. Sono uno che nel linguaggio giornalistico chiamerebbero “faccendiere”: mi sono occupato per anni degli affari fra politica, imprenditoria e criminalità in tutto il Nord Italia, non ultimo a Venezia per la vicenda del Mose che tutti conoscete.

Per ora voglio rimanere anonimo ma, per essere sinceri, mi sono stancato: ho deciso di collaborare con la giustizia. Nei prossimi giorni andrò alla Procura della Repubblica e chiederò di essere sentito per raccontare tutto quello che so. Gran parte dei politici italiani potrebbero finire in galera e forse, per una volta, la smetteranno di far finire nei guai sempre quelli come me salvando la loro faccia. Lo scrivo sul web piuttosto che dirlo alla tv, lo sapete tutti che non pubblicheranno mai un filmato in cui parlo e racconto la VERITA’.

Ho fatto una vita decisamente agiata grazie ai proventi delle mie attività illecite. Inizialmente pensavo che collaborare con i politici fosse una cosa utile per la collettività, una volta entrato nel giro ho capito che rubavano tutti e non mi sarebbe mai più capitata un’occasione del genere.

Per questo chiedo a voi che oggi fate i manettari, che invocate pene più dure e fate finta di scandalizzarvi: cosa avreste fatto al mio posto? Dico proprio a voi che cercate la raccomandazione per “far lavorare” vostro figlio, che in passato apprezzavate qualche politico su cui c’erano sospetti perché “ci sapeva fare”, che siete a favore degli imprenditori che evadono le tasse perché “sono furbi” quindi bravi. Dico proprio a voi che oggi chiedete la testa mia e di quelli come me: non vi sentite dei grandi ipocriti? Io sapevo da anni che stavo rischiando, ma ne è valsa la pena e grazie al vostro dormire ci sono riuscito impunemente. Dovreste vedere come se la godono i vostri politici preferiti mentre si dividono l’Italia e voi razzolate nella miseria!

Dove eravate quando si colava cemento in ogni dove? Ogni gara d’appalto era taroccata e fioccavano centinaia di migliaia di euro di tangenti che ci facevano arricchire. Perché avete pensato per anni solo alle cazzate come il calcio, i reality show e tutte le stronzate che fate ogni giorno? Perché non avete fatto i cittadini sempre, informandovi e chiedendo le dimissioni di chi sbaglia? Potevate evitare tutto questo, siete la maggioranza ma avete sempre curato il vostro orticello, fregandovene degli altri.

Ecco, oggi io mi sono pentito e, assumendomi anche le vostre responsabilità, mi costituirò denunciando tutto quello che so. Mi sento più nobile ad andare in galera onestamente che continuare ad essere un benestante che poggia la propria ricchezza sulle macerie. Prima di insultarmi però, ora, guardatevi allo specchio e prendetevela con la vostra latitanza ventennale: avreste potuto cambiare la storia, invece devo farlo io che sono un “povero” delinquente.

Saluti,
Anonimo
Blog Davide Marciano

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta basta non scrive minacce e cose ecc...