11 novembre 2013

Per Epifani no al Reddito di cittadinanza? Nel 2002 era lui a chiederlo. Ecco le prove

Scritto sul

Secondo Epifani il reddito di Cittadinanza non ce lo possiamo permettere. Eppure nel 2002 fu lui a chiederlo all’allora presidente Berlusconi anche se in una forma diversa denominata Reddito Minimo di Inserimento.
Cito alcuni passaggi chiave della lettera ufficile che trovate sul sito della CGIL
“Nonostante queste profondissime divergenze, mi rivolgo oggi a Lei – memore di una sua promessa fatta in campagna elettorale, circa il fatto che si sarebbe occupato “degli ultimi” – per sottoporLe una questione di alto valore sociale: il reddito minimo d’inserimento.”
“Le chiedo, quindi, Onorevole Presidente, più semplicemente, di prevedere in Finanziaria un finanziamento finalizzato al prosieguo della sperimentazione per il 2003 al fine di non interrompere, così repentinamente e senza aver predisposto alcuna alternativa, l’erogazione di un sussidio che rappresenta per migliaia di donne e uomini, in particolare del mezzogiorno. l’unica speranza di non ripiombare nella povertà e di poter aspirare ad un inserimento nel mondo del lavoro.
Si tratta di poche risorse, davvero per gli “ultimi”, la parte meno fortunata dei cittadini di questo paese.”

Sono molto contento di leggere che anche lei aveva a cuore questo tema perchè vuol dire che quando ancora era sindacalista forse un minimo di senso civico verso i più deboli probabilmente ce l’aveva più di adesso che da politico l’ha perso totalmente.

Se vogliamo si può fare, caro Epifani. Non si tiri indietro altrimenti dimostrerà che quando era sindacalista ha solo fatto finta di prendere le difese dei più deboli e che è bastato un cambio di poltrona per rendere noto a tutti chi è lei veramente e che in fondo quelli che doveva rappresentare in verità li ha solo presi in giro.

Dimostri che non è così. Convinca il suo partito ad appoggiare il reddito di cittadinanza. Non è un favore al Movimento 5 Stelle, è un favore all’italia e a quei lavoratori che negli anni passati ha fatto finta di difendere. Lo faccia adesso, li difenda ora. Stia certo che farà sentire meglio gli altri e soprattutto se stesso. Convinca il PD a fare questo grande passo.


 CGIL – Confederazione Generale Italiana del Lavoro

Nessun commento:

Posta un commento

Commenta basta non scrive minacce e cose ecc...